Stefano

Stefano Makula è nato a Roma il 9 ottobre 1954. E’ stato 28 volte primatista mondiale in apnea in varie specialità. Ha iniziato nel lontano 1977, battendosi sportivamente con i mitici Maiorca e Mayol ed è tuttora in attività nel campo dei record d’apnea ricercando nel mare i segreti che permettono all’uomo di essere acquatico come alle sue origini. Ha iniziato dapprima da solo, nei mari incontaminati della Turchia, proseguendo poi con la collaborazione dell’Istituto Scienze dello Sport del CONI. La sua passione lo ha portato non solo a conquistare tanti record in apnea ma soprattutto a ideare, in collaborazione con i migliori medici e tecnici sportivi del Comitato Olimpico Italiano, il metodo che porta il suo nome e che rende facile e sicura l’immersione subacquea a tutti, uomini e donne, giovani e meno giovani, anche a chi ha paura dell’acqua. I segreti di questo metodo sono raccolti nel libro “Guida all’immersione in apnea”, edito da Mursia, che si apre con la prefazione della massima autorità sportiva del mondo: Juan Antonio Samaranch, Presidente Onorario del CIO. E’ l’uomo che conosce il mistero del profondo blu. Per lui, infatti, l’acquaticità, una caratteristica che si spegne poco dopo la nascita, è dote che dura nel tempo; tanto che, giovanissimo, decide di farne ragione di vita. Sport, sì, quello dell’immersione solitaria, che costringe a una autodisciplina che innalza fisico e mente, ma anche confronto con un avversario terribile: se stesso. Pur non compresa nelle specialità olimpiche, l’arte misteriosa dell’immersione è un insieme di tecnica e passione. La prima da splendido maestro Jedi di una dimensione waterworld la trasmete divulgandola con la pratica e con la stampa. La seconda, un amore che strugge e che sprona, con l’esercizio e con la ricerca di sè, in un mondo dove la solitudine ha una dimensione straordinariamente diversa” (Arezzo, 1 luglio 2005, Premio Internazionale Fair Play Mecenate – Roberto Di Russo, Presidente della Giuria)

Author: Stefano

Share This Post On